mercoledì 3 giugno 2020

corsi corsi corsi!



Per cercare di tornare un po' alla normalità ripartono i corsi di xilografia giapponese (ma anche quelli di disegno con la biro, ma per quelli potete guardare qui).

Al momento a calendario ho 2 corsi di 3 giorni, uno base dal 17 al 20 luglio, e uno avanzato dal 31 luglio al 3 agosto con orari:

venerdì: 14.00-18.00
sabato e domenica: 10.00-18.00 (con 1 ora di pausa)
lunedì: 10.00-13.00

Per rispettare al meglio le norme di sicurezza il corso è limitato a 2 persone.

La grande novità però è che fino a fino a agosto sarò disponibile per corsi tête-à-tête in giorni e orari da concordare: quindi se preferite lavorare da soli mandatemi un'email e troveremo una soluzione :)

Vi aspetto!

mercoledì 11 marzo 2020

Mokuhanga summer School


Novità di quest'anno! Da questa estate parte la Mokuhanga summer school: 2 corsi intensivi di 21 ore di xilografia giapponese, il primo base e il secondo avanzato per scoprire i segreti di questa magnifica tecnica!


La Xilografia Mokuhanga è una antica tecnica di stampa policroma che utilizza materiali completamente naturali, senza l'uso di solventi o acidi: si intagliano manualmente delle matrici di legno che vengono in seguito inchiostrate con colori ad acqua (acquerelli o tempere) e stampate manualmente con l'ausilio di uno strumento di bambù chiamato baren: per stampare non è necessario l'uso di un torchio, e per praticare la tecnica a casa è sufficiente avere a disposizione un tavolo.


Ecco le modalità:

Corso LUNGO di xilografia giapponese presso il mio atelier ad Avigliana (TO)
dal 17 al 20 luglio 2020 per un totale di 21 ore ripartite:
venerdì: 14.00-18.00
sabato e domenica: 10.00-18.00 (con 1 ora di pausa)
lunedì: 10.00-13.00
Max 4 persone


Corso AVANZATO di xilografia giapponese presso il mio atelier ad Avigliana (TO) 
dal 31 luglio al 3 agosto 2020 per un totale di 21 ore ripartite:
venerdì: 14.00-18.00
sabato e domenica: 10.00-18.00 (con 1 ora di pausa)
lunedì: 10.00-13.00
Max 4 persone

mercoledì 17 aprile 2019

Un po' di consigli a Tokyo per Mokuhanga lovers: terza parte


Appena di ritorno dalla mia ultima residenza a Tokyo, ho pensato di aggiornare questa serie di post con qualche chicca appena scoperta, visto che comunque la domanda "Dove posso andare a Tokyo" relativa alla xilografia me la fanno sempre in tanti.
(trovate gli altri consigli da non perdere a Tokyo qui e qui)



Morihei sharpening stones shop
1 Chome-28-6 
Asakusabashi, 
Taito City, Tokyo 111-0053

Questa è senz'altro la chicca di questo viaggio, un negozio di pietre naturali ( e coltelli, ma le pietre sono le star della casa) per affilare coltelli e strumenti da incisione: di tutti i tipi, di tutte le gradazioni


Il personale parla inglese ed è disponibilissimo a mostrare la varie pietre e come si usano: davvero un negozio consigliatissimo.


Yoseido Gallery
5-5-15 Ginza 
Chuo-ku
Tokyo

Nel cuore del quartiere Ginza, una galleria gioiello specializzata in stampe mokuhanga moderne e contemporanee: troverete meraviglie  sosaku hanga di Kiyoshi Saito e Umetaro Azeki, ma anche shin hanga come la famiglia Yoshida. Stampe per tutti i gusti, e davvero anche qualcosa a piccoli prezzi, da marzo questa galleria ha in vendita anche le mie stampe, e io non potrei essere più orgogliosa.



Mokuhankan
Asakusa 1-41-8
Taito-ku
Tokyo

David Bull e il suo canale youtube sono ormai leggendari tra chi pratichi xilografia giapponese: anche chi, come me, sia sempre stato più affascinato dalla corrente sosaku hanga piuttosto che dalle stampe tradizionali Ukiyo-e (che comunque amo moltissimo) si sarà soffermato più di una volta a vedere i suoi video di incisione e stampa. David da 2 anni circa ha aperto questo negozio ad Asakusa, a due passi dal Sensō-ji temple, dove oltre a vendere le stampe che produce, organizza "printing parties" e altre cose belle. David è incredibilmente generoso con la sua conoscenza e ci ha permesso di ammirare le sue stampatrici al lavoro più di una volta.



Michihamano
2-40-8 Kamiya
Kita-ward
Tokyo 115-0043 

Negozio di sgorbie e coltelli per lavorare il legno in genere, e sebbene le mie sgorbie preferite siano queste , la qualità dei coltelli Michihamano non si discute: ottimo rapporto qualità prezzo per chi vuole delle lame non troppo scolastiche per cominciare, il cui acciaio più resistente ben si adatta alla mano un po' maldestra di chi non ha esperienza (nota bene, più resistente vuol dire che l'affilatura durerà più a lungo, ma anche che la lama sarà più difficile da affilare). Il negozio è un po' fuori mano, ma effettuano vendite online e piccoli corsi di affilatura degli strumenti su prenotazione.


Ecco qui, le mie ultime novità in fatto di xilografia giapponese a Tokyo. Spero di tornare presto e di poter aggiornare questo post con altre novita!

giovedì 23 agosto 2018

ultimo post dell'estate: vacanze e corsi futuri


Finalmente sono arrivate anche per me le vacanze, parto per un po' e ritornerò a metà settembre: prima di partire però ho pensato di fare un post preparatorio all'autunno, con qualche novità sui miei prossimo corsi.

Come sempre, potete trovare il calendario dei corsi qui: come ho già anticipato, non ho in programma corsi al di fuori del mio studio per l'autunno, e ricomincerò a muovermi solo nel 2019.

Intanto però ci sono delle belle novità per i corsi in atelier, e non potrei essere più contenta.
Vi ho già parlato, e le abbiamo testate nel corso di luglio, delle nuove sgorbie: un set da 7 coltelli della Powergrip di ottima fattura e davvero una qualità senza pari rispetto al set base economico usato finora.



Assoluta novità dell'autunno sarò invece il legno: tavolette in legno shina professionale da 6mm: qualità ottima, anche negli strati interni e spessore che permette di intagliare da entrambi i lati. Questo è appena arrivato fresco fresco da Handprinted e lo inaugureremo nel corso di settembre.


In ultimo, per la carta continuo ad affidarmi all'ottimo Jacques di Les papiers de Lucas (che vi ricordo offre gentilmente uno sconto del 10% ai miei studenti) e sarà possibile sperimentare la stampa con diversi tipi, in particolare la Masa e la Shiramine Select delle cartiere Awagami.

Per motivi di costi, al momento sarà possibile usare questi strumenti e materiali solo nei corsi che terrò qui in atelier ad Avigliana.

C'è ancora un posto per il corso di settembre, vi aspetto! 

venerdì 3 agosto 2018

racconto di un corso base



Si è svolto giusto due settimane fa un altro corso base nel mio atelier, ad Avigliana, l'ultimo prima dell'estate: è stato intenso e molto bello e ho pensato di farne un post con qualche riflessione.



Cominciamo dal principio: erano finalmente arrivati i meravigliosi coltelli Power Grip e sono stati quindi "inaugurati" con questo corso: bellissimi, affilati e resistenti, non c'è davvero paragone con il piccolo kit che faccio usare di solito (purtroppo visto il costo, questi strumenti saranno disponibili solo per i corsi che terrò nel mio studio) e le tre corsiste si sono trovate davvero benone.


Dopo le introduzioni, sono partita con la solita spiegazione e dimostrazione, che in genere dura quasi tutta la mattinata, ed è un sunto di tutto quello che serve sapere per realizzare la propria prima stampa: a questo punto ci siamo concentrate sul progetto di ognuna, e abbiamo deciso insieme l'immagine su cui lavorare. Il processo è stato molto veloce, solitamente io consiglio sempre di farsi ispirare dalle stampe e libri che mostro: quando si comincia è ovviamente molto meno complicato prendere spunto da una stampa finita e già risolta, aiuta a concentrarsi soprattutto sulle fasi della tecnica allo stesso tempo ottenendo ottimi risultati da subito (che non è male per il morale :) ). Tutte e tre le allieve si sono fidate di questo consiglio così A. e M. hanno preso spunto da due stampe marine di Henri Rivière, mentre N. si è ispirata al mio amatissimo Kiyoshi Saitō.

la stampa e le matrici di N.
Il sabato pomeriggio è dunque trascorso intagliando le prime matrici; domenica mattina A. e M. hanno continuato ad intagliare, mentre N. era già pronta per la stampa.
Prima di pranzo anche A. e M. hanno iniziato a stampare e il pomeriggio è passato sperimentando con dosi di acqua colori e tipi diversi di carta.

le stampe e le matrici di M.
Il pomeriggio sul tardi abbiamo iniziato a lavare i pennelli, poi dopo un'ultima dimostrazione su come si intagliato i kentō, abbiamo riassunto le varie fasi del processo e colmato insieme gli ultimi dubbi.
A questo punto non rimaneva altro da fare se non ammirare i bellissimi lavori realizzati: sono davvero entusiasta e stupita dal livello delle raggiunto in questo corso!

In conclusione, i corsi nel mio studio mi piacciono tantissimo: ho tutti i materiali e strumenti possibili a disposizione, e posso improvvisare dimostrazioni solitamente non previste nei cosi base (come di ricopre un baren, la stampa con la mica, la corretta affilatura delle pietre), senza contare che comunque dato il numero ristrettissimo dei partecipanti si lavora ovviamente molto meglio e si instaurano sempre dei rapporti belli.
In più finalmente da settembre oltre agli strumenti per intagliare nuovi riuscirò a far usare del legno professionale, ne è arrivata una scatola giusto l'altro giorno e aspetta solo di essere tagliato nella misura giusta.

le stampe e le matrici di A.

Ora pausa fino a settembre, poi si ricomincia con un corso al mese fino a novembre compreso, come sempre potete trovare l'elenco aggiornato di tutti i mie corsi qui.

martedì 13 marzo 2018

immagini da un corso avanzato


il tavolo ad inizio corso

Sono appena tornata da un week end di corso base a Milano dalle stupende ragazze di Spazio BK, e mentre ieri cercavo di organizzare foto e idee, mi sono trovata a sfogliare alcune immagini scattate durante il corso avanzato tenutosi nel mio studio ormai 3 week end fa.
Spesso alla fine di un corso ricevo la domanda: "Tieni anche corsi avanzati? Cosa si fa?" e la verità è che la risposta non è così semplice: ho quindi pensato di usare come spunto il lavoro fatto in quei due giorni per far capire un po' meglio  come si possa impostare un laboratorio di questo tipo.

Innanzi tutto preferisco tenere questo tipo di corsi nel mio studio: questo fa sì che io abbia tutto a portata di mano, e se c'è qualcosa che mi viene in mente da far vedere all'ultimo momento non ho problemi; inoltre così riesco tenere laboratori con 3-4 persone, in modo da riuscire a personalizzare abbastanza il corso con le esigenze di ognuno.


Le partecipanti erano Chiara, Livia e Valentina e avevano esperienze molto diverse tra loro.
Chiara è illustratrice di professione, ha partecipato ad un corso base a settembre, e appena tornata a casa ha comprato tutti i materiali e ha iniziato ad impostare un lavoro abbastanza impegnativo e grande, e nel tempo libero in questi mesi ogni tanto lo portava avanti: è anche riuscita a trovare il tempo per stampare qualcosa da sola nel suo studio, quindi aveva buona memoria delle varie fasi del processo.
Livia e Valentina non disegnano di mestiere, ma avevano entrambe partecipato a più di un mio corso e anche se a casa non avevano avuto il tempo per lavorare anche loro ricordavano bene tutti i passaggi.

Ho cominciato il corso con una dimostrazione di intaglio "avanzato" in particolare come affrontare linee sottili o molto segmentate e poi l'ita-bokashi (la sfumatura ottenuta attraverso l'intaglio) utilizzando del legno professionale Shina da 6mm, e una dimostrazione di stampa con la mica.


A questo punto ho scelto insieme ad ognuna il lavoro da realizzare: Livia e Valentina hanno voluto usare il legno professionale e realizzare quindi una piccola stampa con 4 matrici ciascuna, mentre Chiara voleva finire la sua stampa grande, quindi abbiamo visto insieme cosa c'era ancora da fare a livello di intaglio e iniziato a fare le correzioni necessarie: tutte hanno avuto la possibilità di utilizzare i mie strumenti professionali in modo da rendersi conto della differenza con quelli scolastici a cui erano abituate.

la stampa di Chiara
Il resto del sabato e parte della domenica mattina sono passati ad intagliare, bere tè e mangiare biscottini: ho fatto una dimostrazione di "baren wrapping" (potete rendervi meglio conto di cosa sto parlando qui) e ho preparato la carta per la stampa (gentilmente offerta dalle cartiere Awagami).

alcune stampe di Valentina
Dopo pranzo finalmente si è stampato: avevo preparato diversi tipi di carta, la Masa per le prime prove e la Shiramine Select per le stampe finali, più qualche foglio di Kozo Select, per provare una carta diversa.

il lavoro di Livia
Le ragazze hanno avuto la possibilità di utilizzare tutti i miei baren e rendersi conto dell'incredibile differenza.
A fine giornata tutte avevano prodotto delle stampe davvero belle! Sono rimasta davvero stupita della complessità dei lavori finiti. Le due giornate sono state divertenti e appaganti, insomma... non vedo l'ora di rifarlo! 


il tavolo dopo :)




lunedì 26 febbraio 2018

Un po' di consigli a Tokyo per Mokuhanga lovers - seconda parte


Ed ecco la seconda parte sui luoghi "mokuhanga related" che più consiglio a Tokyo, potete trovare la prima parte con i negozi e botteghe qui.

Cominciamo con qualche museo...

foto dalla mia pagina instagram

Sumida Hokusai Museum
2-7-2 Kamezawa 
Sumida-ku
Tokyo
aperto da poco più di un anno, piccolo museo diventato subito famosissimo dedicato al più famoso degli artista dell'Ukiyo-e, KatsushiKa Hokusai. Il museo è situato in un quartiere tranquillo al di là del fiume Sumida, nalla zona in cui abitava Hokusai stesso. Il museo non è gigantesco, ma è molto interessante, oltre alle stampe ci sono diversi dipinti su seta e un delizioso diorama a grandezza naturale che ritrae Hokusai con la figlia. A me è piaciuto molto ed è una visita che consiglio, unica pecca forse le didascalie in inglese sono davvero poche, ma rimarrete incantati davanti alle stampe.


Hiroshige: "Kistunebi nella Notte di Capodanno sotto l'albero Enoki nei pressi di Ōji"


Museo Ukiyo-e
Ōta Memorial Museum of Art
1-10-10 Jingu-mae 
Shibuyaku 
Tokyo
Anche questo è un museo piuttosto piccolo, ma con una collezione immensa di stampe, esposte a rotazione per cui difficilmente vedrete due volte le stesse cose. Io ci torno ogni volta che sono a Tokyo, è in una zona, quella di Omotesando, che mi piace molto, fatta di piccoli negozi e deliziosi caffè. Lasciate perdere la via principale (quella dell'Apple Store per intenderci) e perdetevi nelle viuzze laterali magari fermandovi a sorseggiare un Matcha Latte.. e non mancate di fare una puntatina in questa piccola oasi di tranquillità. Toglietevi le scarpe ed ammirate da vicino delle stampe stupende. Qui ho avuto la fortuna di vedere dal vivo la stampa qui sopra che è la forse la mia preferita tra le stampe Ukiyo-e in assoluto e quindi rimane uno dei musei del mio cuore.




Edo Tokyo Museum
1-4-1 Yokoami
Sumida-ku
Tokyo
Una costruzione davvero singolare per un museo dove troverete un po' di tutto quello che riguarda la storia della nascita di Tokyo (una volta Edo). Non sempre ci sono stampe esposte e se avete poco tempo e siete davvero solo interessati alla Xilografia vale la pena controllarne il calendario. Qui però ho preso uno dei più bei cataloghi di Shin Hanga mai visti anche se mi sono persa l'esposizione stessa. La visita ne è dunque proprio valsa la pena. Anche questo al di là del fiume Sumida rimane molto vicino al museo di Hokusai.
Al momento chiuso per ristrutturazione dovrebbe riaprire a marzo 2018.

...e proseguiamo con una galleria e qualche altro indirizzo:

Kiyoshi Saito "Village scene with persimmons"

S. Watanabe Color Print
Ginza 8-6-19
Chuo-ko
sito informazioni in inglese
Galleria di stampe soprattutto Shin Hanga e Sosaku Hanga, è famosissima e ha sede in Ginza. Potete entrare e curiosare e se avete qualche risparmio comprare delle stampe meravigliose. Ci sono stampe per tutte le tasche anche se ovviamente le più famose hanno il loro giusto prezzo. Io qui per un breve momento ho avuto la gioia di tenere in mano la stampa qui sopra di Kiyoshi Saito, e vederla dal vivo è stata un'emozione grande.


Mi Lab CfShe
presso 3331 Art Chiyoda
6-11-14 Sotokanda
Chiyoda-ku
Tokyo
Il MiLab è un po' un'istituzione per gli appassionati di Mokuhanga: basti pensare che Keiko Kadota, che ne era il cuore pulsante (e che purtroppo ci ha lasciati poco più di un anno fa) è stata colei che più ha lavorato per la diffusione della xilografia giapponese al di fuori del Giappone, e grazie a lei sono nate le conferenze internazionali sulla mokuhanga (la prima a Kyoto nel 2011, la seconda a Tokyo nel 2014 e la terza a Honolulu nel 2017: adesso stiamo lavorando alla quarta che sarà molto probabilmente di nuovo in Giappone, a Nara nel 2020) e si è iniziato ad usare internazionalmente proprio il termine "mokuhanga" per definire quelle stampa realizzate da matrici in legno e stampate con colori ad acqua: il MiLab è anche l'associazione grazie a cui ho sono stata scelta, insieme ad altri 5 artisti,  per partecipare ad una residenza completamente sponsorizzata che mi ha dato modo di trascorrere 40 giorni a lavorare tra Tokyo e il monte Fuji (potete leggere di quella esperienza nel mio vecchio blog a partire da questo post qui). La sede del MiLab a Tokyo si trova tra le mura del centro artistico polifunzionale 3331 Art Chiyoda, e ospita spesso mostre di mokuhanga o corsi brevi della durata di 5 giorni (le residenze, della durata in genere di un mese si svolgono a Kawaguchi-ko, vicino al monte Fuji) quindi vale la pena controllare il calendario per verificare se è in corso qualcosa di interessante.
Una puntata al 3331 Arts io comunque la faccio sempre: una ex scuola media convertita a spazio dedicato all'arte a 360° composto da piccole gallerie, grandi spazi espositivi, laboratori e studi privati, io ci ho lasciato il cuore dopo averci lavorato un mese nel 2016 e se sono a Tokyo ci torno molto volentieri.

Katsutoshi Yuasa "Between man and matter #2"

East Tokyo Mokuhanga Studio
Lo studio di Katsutoshi Yuasa si trova in zona Koiwa Station: Katsu è un artista meraviglioso, oltre ad essere un eccellente maestro e poco più di un anno fa ha deciso di aprire il suo studio-casa ad artisti che vogliono fare un esperienza con la mokuhanga ad hoc, per cui oltre a corsi base tradizionali offre anche mini workshop di perfezionamento per una o due persone: io sono andata a trovarlo per un corso di affilatura delle sgorbie e non potrei raccomandarlo di più: una mezza giornata utilissima e entusiasmante: contattatelo vi email se siete interessati a approfondire alcuni lati di intaglio o stampa, parla inglese benissimo quindi non è necessario conoscere il giapponese.

Tutta la zona di Jinbōchō: delizioso quartiere molto centrale, rimane a forse 10 minuti a piedi dai giardini Imperiali: una via quasi completamente dedicata alle librerie antiquarie, dove trovare oltre a libri antichi (realizzati ovviamente con la xilografia, sì anche quelli che hanno solo testo) anche stampe ukiyo-e più o meno famose. Ormai è difficile fare l'affare, i venditori sanno ovviamente molto bene quello che vendono, però è possibile trovare a modico prezzo riedizioni molto belle.

foto dalla mia pagina instagram

E per finire in bellezza il mercato delle pulci biennale di Setagaya Boroichi: se avete la fortuna di essere a Tokyo a metà dicembre o a metà gennaio, questo mercato è davvero da non perdere. Gigantesco mercato delle pulci, troverete una miriade di banchetti di cose interessanti, e delizie da mangiare: io qui ho comprato un po' di libri di antiquariato, e ho visto diversi banchetti che vedevano stampe, tutti molto seri e professionali. Anche senza la parte mokuhanga è un'occasione da non perdere se capitate nel periodo giusto. E potete terminare la vostra giornata con una visita al templio di Gotōkuji, dove i "maneki neko" (cioè i famosissimi gatti che salutano giapponesi che si vedono in molti locali e negozi) sono nati.

foto dalla mia pagina instagram
Con questo direi che per ora è tutto. Come ho anticipato nell'altro post man mano che scoprirò nuovo angoli di questa stupenda città sarò contenta di condividerli con voi.
Per ora alla prossima volta!
Mata né!